Attività clinica: Odontoiatria Estetica

OD-ESTETICA

L’Odontoiatria Estetica rappresenta una ulteriore specializzazione nell’ambito della protesi fissa. Si cura oltre che della funzionalità dei restauri applicati anche e soprattutto dell’aspetto estetico del risultato finale della cura, che deve essere il più gradevole e naturale possibile. A questo scopo vengono corretti i difetti di forma dentale, le alterazioni del colore (denti scuri o gialli) , ed in alcuni casi anche i lievi difetti di posizione (denti leggermente ruotati, piccole fessure tra i denti, etc). In odontoiatria estetica si utilizzano spesso materiali di natura ceramica, privi di supporto metallico, quindi traslucenti, che utilizzati in spessori minimi consentono di conservare al massimo il tessuto dentale naturale. Questi materiali vengono solitamente fissati con tecniche adesive, ovvero letteralmente “incollati” sui denti con degli adesivi speciali.

Le terapie principali nell’ambito di questa branca odontoiatrica sono rappresentate da:

1) Faccette in porcellana

La faccetta o “veneer” non è altro che uno strato molto sottile di porcellana incollata sulla superficie esterna del dente. Visto lo spessore minimo di questo tipo di restauro (0.3- 0.6mm), il dente viene limato in modo minimale, solo sulla superficie esterna, quasi solo irruvidito, con il preciso scopo di mantenere lo smalto naturale al di sotto della faccetta una volta incollata. Le faccette possono essere quasi totalmente trasparenti, oppure possono essere colorate per coprire dei denti troppo scuri. Le faccette vengono utilizzate per correggere soprattutto difetti dentali di forma, proporzione, e colore.

Immagini su: Faccette in Porcellana

2) Corone o capsule in ceramica integrale (prive di metallo)

Le corone in porcellana integrale sono delle “capsule” costituite esclusivamente da materiale ceramico e quindi prive di un rinforzo metallico all’interno (“metal-free”). Per questa loro caratteristica e composizione questi restauri presentano delle proprietà ottiche eccellenti ed estremamente naturali legate alla possibilità di farsi attraversare dalla luce esattamente come avviene per i tessuti dentali naturali. Il risultato estetico per questo tipo di corone è ottimo e per questo motivo le corone in ceramica integrale vengono utilizzate soprattutto per i denti della zona anteriore della bocca, definita come la “zona estetica”.

Caso clinico 1

Caso clinico

Caso clinico 2

Caso clinico

Caso clinico 3

Caso clinico

Caso clinico 4

Caso clinico

3) Sbiancamento dentale

Lo sbiancamento dentale rappresenta una procedura molto diffusa che tende a conferire brillantezza e biancore alla dentatura che si è scurita in seguito a utilizzo di antibiotici (tetracicline), pigmentazioni batteriche, cibo (caffè, tè, vino rosso), tabacco, e cambiamenti strutturali dei tessuti dentali (smalto e dentina) dovuti all’età. Il metodo più utilizzato e che procura i risultati più duraturi è quello che prevede l’applicazione di un gel sbiancante, di solito a base di perossido di carbamide. Questo agente ossidante penetra attraverso le micro porosità dello smalto e raggiunge i depositi di sostanze pigmentanti, arrivando anche fino alla dentina. Il gel sbiancante viene fornito in diverse concentrazioni e la sua applicazione avviene tramite l’uso di apposite mascherine trasparenti personalizzate (simili ad un paradenti degli sportivi) da indossare a casa durante la notte (trattamento domiciliare) oppure nella sala d’attesa dello studio odontoiatrico per circa un’ora (trattamento in sala d’attesa). Alcuni gel prevedono l’applicazione diretta sulle superfici dentali da parte del dentista sul riunito odontoiatrico (trattamento in poltrona), per circa un’ora. Questi gel possono richiedere o meno l’attivazione tramite una fonte luminosa.

Immagini su: Sbiancamento Dentale

credits